Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Focus Coronavirus

Data:

24/09/2021


Focus Coronavirus

Per informazioni relative all’ingresso in Italia si rimanda alla lettura del Focus dedicato sul sito web del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale: Cittadini Italiani in rientro dall’estero e cittadini stranieri in Italia.

 

Con Ordinanza 28 agosto 2021, in vigore dal 31 agosto al 25 ottobre 2021, il Ministero della Salute ha stabilito che se si proviene dal Canada e si è in possesso di una Certificazione verde Covid valida (vaccinazione o guarigione) o di un certificato equipollente, rilasciato dalle autorità sanitarie locali, per entrare in Italia è comunque necessario sottoporsi a test molecolare o antigenico, con risultato negativo, nelle 72 ore precedenti l’ingresso in Italia. Rimane, inoltre, l’obbligo di compilare il digital Passenger Locator Form o, in alternativa (in caso di impedimenti tecnologici), lo specifico modulo di autocertificazione in formato cartaceo. In caso di mancata presentazione delle certificazioni indicate sopra è comunque possibile entrare in Italia, ma è fatto obbligo di sottoporsi a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria (informando la ASL competente per attivare la sorveglianza) per un periodo di cinque (5) giorni ed effettuare un ulteriore test molecolare o antigenico, al termine dei cinque (5) giorni di isolamento.

Le certificazioni vaccinali e di guarigione rilasciate dalle autorità sanitarie del Canada sono riconosciute come equivalenti alle certificazioni italiane sia per l'ingresso in Italia che per gli usi interni in Italia previsti dall'art. 3 del decreto-legge del 23 luglio 2021.Si precisa che le modalità di equipollenza delle certificazioni vaccinali sopra indicate trova applicazione solo in Italia.

Ai finidell'ingresso dal Canada in Italia, le certificazioni, da presentare al vettore al momento dell'imbarco e successivamente alle Autorità italiane competenti, dovranno presentare le seguenti caratteristiche:

1.   Vaccinazione anti-SARS-CoV-2, con completamento del prescritto ciclo di una delle vaccinazioni validate dall’EMA da almeno 14 giorni. I vaccini al momento riconosciuti sono Comirnaty (Pfizer BioNTech), Spikevax (Moderna), Vaxzevria/Covishield/R-CoVI/Covid-19 vaccine-recombinant Fiocruz (AstraZeneca) e COVID-19 Vaccine Janssen (Janssen – Johnson & Johnson). La normativa in vigore non prescrive che il vaccino usato nella seconda dose sia lo stesso della prima dose.
 

Le certificazioni vaccinali dovranno essere in lingua inglese o francese e riportare almeno i seguenti elementi:

  • dati identificativi del titolare (nome, cognome, data di nascita);
  • dati relativi al vaccino (denominazione e lotto);
  • data/e di somministrazione del vaccino;
  • dati identificativi di chi ha rilasciato il certificato (Stato/Autorità sanitaria).

2. Guarigione da COVID-19, da dimostrare attraverso una certificazione con gli elementi necessari da parte di un operatore medico, in formato cartaceo e/o digitale, accompagnate da una traduzione giurata, e che riporti almeno i seguenti elementi:

  • dati identificativi del titolare (nome, cognome, data di nascita);
  • informazioni sulla precedente infezione sa SARS-CoV-2 del titolare, successivamente a un test positivo (data del primo tampone positivo);
  • dati identificativi di chi ha rilasciato il certificato (Stato/Autorità sanitaria).

I minori accompagnati da genitore/accompagnatore con una delle suddette certificazioni devono sempre effettuare il test Covid pre-partenza se hanno 6 anni compiuti e non sono vaccinati; sono invece esentati in ogni caso dal test Covid pre-partenza i minori di età inferiore ai 6 anni.

I cittadini italiani e loro familiari conviventi - indipendentemente se siano iscritti al Servizio Sanitario Nazionale - vaccinati o guariti all’estero e che già si trovino sul territorio italiano, possono richiedere il rilascio dell’EU Digital Covid Certificate (EU-DCC), secondo le modalità previste dalle Circolare del Ministero della Salute del 4 agosto 2021. Dovranno a tal fine recarsi all’Azienda Sanitaria Locale di competenza, presentando la certificazione sopra indicata, redatta in lingua inglese. In aggiunta, potranno richiedere il rilascio dell’EU Digital Covid Certificate (EU-DCC) anche per coloro che abbiano già ricevuto la prima dose di vaccino, solo se entro i termini di validità stabiliti in relazione al tempo massimo previsto per la somministrazione della seconda dose.

Si fa presente che specifiche misure restrittive potrebbero essere disposte a livello regionale sulla base della situazione pandemica locale. Il monitoraggio della situazione in ciascuna Regione e Provincia Autonoma è disponibile sul sito web del Ministero della Salute, accessibile cliccando qui.

Si precisa che in caso di transito in un Paese terzo, vanno considerate anche le norme previste dai relativi Governi. In particolare, per i transiti in Germania in direzione Italia è possibile consultare la seguente pagina web: https://www.auswaertiges-amt.de/en/einreiseundaufenthalt/EinreiseUndAufenthalt 

Si consiglia di prendere contatto con le compagnie aeree per verificare se richiedano requisiti aggiuntivi per viaggiare.

Si informa che nei quattro principali aeroporti canadesi sono presenti strutture per effettuare covid test rapidi. Il servizio va prenotato in anticipo ed è soggetto ad un costo.

Si riportano di seguito gli indirizzi web delle strutture menzionate:

Vancouver:https://covid-medical.ca/

Montreal: https://www.biron.com/en/laboratory/covid-19/travel/

Calgary: https://numihealth.com/covid-19-testing/ 

Toronto: https://www.torontopearson.com/en/healthy-airport/covid-19-testing-at-toronto-pearson 

 

 

 

INGRESSO IN CANADA

A partire dal 7 settembre 2021 coloro che abbiano completato il ciclo vaccinale possono entrare in Canada anche per motivi discrezionali (non essenziali, incluso turismo) secondo le seguenti condizioni:

1. dimostrare il completamento del ciclo vaccinale da almeno 14 giorni, con vaccino/i riconosciuto/i dal governo del Canada (Pfizer-BioNTech, Moderna, AstraZeneca/COVISHIELD e Janssen). I certificati, corredati da traduzione in lingua inglese o francese, qualora l’originale sia stato rilasciato in un’altra lingua, dovranno essere esibiti alle autorità di frontiera;

2. presentare un test molecolare COVID-19 pre-partenza con risultato negativo, effettuato entro 72 ore prima del volo previsto per il Canada o dell’arrivo alla frontiera terrestre o marittima, o un precedente risultato positivo di test molecolare effettuato tra 14 e 180 giorni prima della partenza per il Canada. I test antigenici o "test rapidi" non sono accettati. Per informazioni sulle tipologie di test accettate cliccare qui;

3. essere asintomatico;

4. inviare le informazioni obbligatorie tramite ArriveCAN (app o sito Web), inclusa la prova della vaccinazione in inglese o francese e un piano di quarantena. Per informazioni consultare il seguente link;

5. essere ammissibile ai sensi dell'Immigration and Refugee Protection Act;

6. sottoporsi ad un test all'arrivo, qualora richiesto (a campione).

Si segnala che le autorità canadesi richiedono dettagli anche riguardo alla prima dose, non contenuti nel green pass europeo, che si possono richiedere all’ente che ha somministrato il vaccino al fine di poterli presentare alle autorità di frontiera in aggiunta al green pass.

Per la definizione di “fully vaccinated” cliccare qui.

I viaggiatori minorenni, a partire dai 5 anni di età, se accompagnati da adulti completamente vaccinati possono fare ingresso nel Paese secondo le seguenti condizioni: presentare un test molecolare COVID-19 con risultato negativo effettuato nelle 72 ore antecedenti il volo e sottoporsi al test del 1 e 8 giorno. I minori di età inferiore a 12 anni sono esenti dall’obbligo della quarantena di 14 giorni ma devono rispettare specifiche misure restrittive, inclusa l’astensione della frequenza scolastica. I minori di età compresa tra i 12 e 17 anni dovranno sottoporsi ad un periodo di quarantena di 14 giorni.

Per i viaggiatori che non abbiano completato il ciclo vaccinale le condizioni rimangono invariate: qualora eccezionalmente autorizzati ad entrare nel Paese, dovranno effettuare il test del 1 e 8 giorno e sottoporsi ad una quarantena di 14 giorni, dimostrando alle autorità canadesi di frontiera di avere un piano per la quarantena, che andrà inserito sull’apposita sezione dell’app ArriveCAN. La violazione dell’obbligo di quarantena, che viene monitorato anche attraverso dei controlli da parte delle forze di polizia presso l’indirizzo indicato alle autorità locali all’ingresso nel Paese, determina sanzioni che possono arrivare fino a una multa di 750.000 dollari canadesi e/o l'arresto fino a 6 mesi.

Per maggiori informazioni si suggerisce di consultare il sito ufficiale del Governo canadese.

Disposizioni Provinciali

Per maggiori informazioni si prega di fare riferimento ai seguenti siti ufficiali:

Link utili

Per informazioni e aggiornamenti sullo stato di diffusione del Covid-19:

  • in territorio italiano, consultare il seguente link
  • in territorio candese, consultare il seguente link


Luogo:

821