Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Cooperazione economica

 

Cooperazione economica

Nel 2019, l'economia canadese, secondo le ultime stime della Bank of Canada, è prevista crescere dell’1,6% (dopo l’1,8% del 2018 e il 3% del 2017). Il mercato del lavoro rimane solido, con un tasso di disoccupazione che si attesta nel mese di dicembre 2019 al 5,6%. Si registra tuttavia un rallentamento nell'ultimo trimestre del 2019 che, secondo le stime più recenti, potrebbe estendersi anche per una parte del 2020.

Tra le cause che, secondo la Banca centrale, potrebbero influire negativamente sul consolidarsi di un trend di crescita stabile, si annoverano il generale clima di incertezza della situazione internazionale, ma anche alcuni fattori interni. In particolare, soffrono gli investimenti, che nel 2019 sono previsti attestarsi in territorio negativo (-0,4%) rispetto all'anno precedente, complici, in primo luogo, le difficoltà del settore energetico; i consumi dovrebbero crescere invece dello 0,9% (in diminuzione rispetto al +1,2% del 2018) e, nonostante il forte indebitamento privato delle famiglie, rimangono la principale voce di sostegno alla crescita. L’inflazione rimane piuttosto stabile e si colloca ad un tasso vicino al 2%, obiettivo fissato dall’Autorità monetaria, che continua a tenere fermo all’1,75% il tasso di interesse overnight.

Sul versante del commercio internazionale, il Canada nel 2019 ha migliorato la sua bilancia commerciale, passando dai -11,6 mld CAD nel 2018 ai -8,7 mld CAD nel 2019 (fonte Statistics Canada). Il Canada è un Paese dall’economia molto aperta al commercio internazionale (circa un terzo del PIL deriva dalle esportazioni). Si segnala che il c.d. “nuovo NAFTA”, il Canada-United States-Mexico Agreement (CUSMA), siglato a novembre 2018, già ratificato da Messico e USA, è in attesa di essere ratificato dal Canada, ultimo passaggio prima della sua entrata in vigore.

Rapporti bilaterali

L’Italia gode di ottimi rapporti commerciali con il Canada e nel 2019, secondo Statistics Canada, è divenuto il settimo Paese fornitore del mercato canadese, secondo in Europa dopo la Germania, superando il Regno Unito.

Nel 2019, le esportazioni di beni italiani in Canada sono ammontate a 9,45 mld CAD, in crescita del 5,0% rispetto all’anno precedente, contro 3,2 mld CAD di esportazioni canadesi in Italia (fonte Statistics Canada). La bilancia commerciale ha fatto quindi registrare un saldo positivo per l’Italia molto rilevante, nell’ordine dei 6,2 mld dollari.

Tra i principali comparti del nostro export figurano macchinari, prodotti chimici, autoveicoli e mezzi di trasporto, bevande e alcolici (vino in particolare) e prodotti alimentari. In quest’ultimo settore l’Italia è il primo fornitore europeo del Canada (quarto a livello mondiale).

Nel 2019 si è registrata in particolare una forte crescita del settore chimico-farmaceutico (+15%), dell'oreficeria e pietre preziose (+48%) e dei macchinari (+9%). In crescita anche il settore alimentare che, incluso bevande e alcolici, fa registrare un +5,9%, superando il muro del miliardo di dollari canadesi di valore.

Le esportazioni canadesi in Italia riguardano principalmente prodotti minerari e prodotti chimici e farmaceutici.

Il Canada si conferma un Paese attraente per le imprese italiane, anche grazie ad un ambiente favorevole per gli investimenti. Vi è un crescente interesse da parte delle aziende italiane in settori quali energia, infrastrutture, manifatturiero, nonché delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione.


31